Innovation manager: chi introduce la digitalizzazione nelle aziende italiane?

Come già evidenziato in precedenti ricerche, la digitalizzazione fa ancora fatica a farsi strada all’interno delle piccole e medie imprese italiane.

A volte a mancare non sono solo gli strumenti digitali, ma è un vero e proprio un mindset rivolto all’ottimizzazione dei processi aziendali che consenta ai business di rimanere competitivi grazie a workflow più veloci ed efficienti. Ancora più difficile pensare in chiave innovativa quando all’interno dell’azienda non esistono figure predisposte proprio a questo: innovare e ottimizzare.

Al fine di indagare il livello di digitalizzazione delle imprese italiane e, nello specifico, chi sono i promotori dell’innovazione digitale all’interno delle PMI, Capterra ha condotto una nuova ricerca in collaborazione con l’Osservatorio Innovazione Digitale nelle PMI del Politecnico di Milano, intervistando 1.018 titolari e responsabili digitali di PMI in Italia. Chi è l’“Innovation Manager” e perché tutte le aziende dovrebbero averne (almeno) uno.

Secondo la definizione degli Osservatori digitali del Politecnico di Milano, l’innovation manager è quella figura che in azienda svolge la funzione di abilitatore dell’innovazione, ovvero che analizza il contesto in cui l’azienda svolge le sue attività e verifica i processi, per aiutare a trasmettere la cultura digitale a tutti i dipendenti.Si tratta di quel profilo professionale che a volte viene identificato nella figura dell’imprenditore stesso o di un consulente esterno, il cui principale compito è quello di assistere le aziende nel processo di trasformazione digitale, rendendo così l’azienda più efficiente e competitiva.Solo il 31% delle PMI ha un team interno interamente dedicato a digitalizzare la cultura aziendale e i processi.

Se è vero che avere in azienda un Innovation Manager sia il primo passo per diffondere la cultura digitale al suo interno, è anche vero che una persona sola può sicuramente incontrare maggiori resistenze e difficoltà nello svolgimento di questo ruolo. È stato dunque chiesto alle PMI italiane da quante persone è composta la divisione IT/servizi digitali al loro interno.

Delle aziende intervistate, il 69% conferma di avere un responsabile interno che si occupa di innovazione aziendale in termini di digitalizzazione. Solo il 31% delle PMI però ha un team dedicato a questa funzione. Inoltre, nel 51% dei casi si tratta di piccoli team formati da 3-5 persone. Segue il 21% delle PMI intervistate che non ha ancora identificato una persona a carico dell’innovazione digitale. Infine, l’8% sembra non curarsi di questa necessità per il momento, mentre il 13% ha capito quanto sia importante l’introduzione di questo tipo di figura. Rimane soltanto un 10% delle aziende che invece si affida a profili professionali esterni, soluzione che risulta particolarmente vantaggiosa quando si vogliono ottimizzare tempi e costi. La spinta all’innovazione digitale arriva dall’alto

Dallo studio risulta che la prima linea aziendale sia fondamentale nello stimolare l’innovazione. Nello specifico, tra i principali sponsor dell’innovazione all’interno delle PMI intervistate ci sono:

  • Il responsabile dei progetti digitali/informatici (33%)
  • Il vertice strategico (31%)
  • L’imprenditore o un suo familiare (30%)
  • Un responsabile di dipartimento (19%)
  • Un consulente esterno (12%)
  • Nessuna figura (8%)
  • Un fornitore tecnologico (7%)

Dall’analisi economica svolta dall’Osservatorio, risulta evidente che la maturità digitale porti a migliori performance economiche. A volte scommettere sul digitale può sembrare un rischio, e sta proprio all’innovation manager incentivare un cambio di prospettiva per garantire un passaggio graduale e vantaggioso per tutti

Maggiori informazioni